Presidente - 345-4681959 info@corobaitone.it

Parole di Peppino Mereu – Musica di Nicolò Rubanu – Armonizzazione di Tonino Puddu

Nanneddu meu, su mundu er gai, a sicut erat non torrat mai.

Semus in tempos de tirannias, infamidades e carestias
commo sos populos cascan che canes gridende forte: «Cherimus pane».

Famidos, nois semus pappande pane e castanza, terra cun lande
terra ch’at fangu, torrat su poveru senza alimentu, senza ricoveru.

Cussas banderas numeru trinta de binu bonu mudana tinta
appena mortas cussas banderas non pius s’osservan’ imbreacheras.

Semus sididos, issa funtana pretende s’abba parimus ranas.
Abbocaeddos, laureados buzzaccas boidas e ispiantados.

Adiosu Nanni, tened’a contu, fache su surdu, ghettad’a tontu
e tantu l’ides: su mundu er gai a sicut erat non torrat mai.

Traduzione

Mio caro Nanni, il mondo è così, com’era prima non tornerà mai più.

Siamo in tempi di tirannie, infamità e carestie
ora i popoli sbadigliano come cani gridando forte: «Vogliamo pane».

Affamati, noi stiamo mangiando pane e castagne, terra con ghiande
terra, come fango, diventa il povero, senza alimenti, senza ricovero.

Quelle numerose compagnie cambiano il colore del buon vino
ma appena morte quelle compagnie non si osserveranno più sbornie.

Siamo assetati, alla fontana cercando l’acqua sembriamo rane.
Avvocatucci, laureati tasche vuote e squattrinati.

Arrivederci, Nanni, bada a te stesso, fai il sordo, fingiti tonto
tanto, lo vedi, il mondo è così, com’era prima non tornerà mai più.